Le nane bianche e l’aspettativa di vita dell’Universo



Quando una stella di una certa massa, simile ad esempio a quella del nostro Sole, termina la fusione nucleare, muore e diventa una nana bianca e tutto ciò che le rimane per brillare è il suo calore residuo. In tempi lunghissimi si raffredderà fino a diventare una specie di cristallo freddo e inalterabile chiamato nana nera, o almeno, questo dice la teoria: perché l’Universo ha “solo” 13,8 miliardi di anni e non è perciò sufficientemente vecchio da avere una stella in un simile stato. L’idea di stelle che possono raggiungere questo stadio potrebbe però essere messa in discussione dal lavoro di un gruppo di astronomi che ha trovato le prove di una nana bianca dove c’è ancora idrogeno che sta bruciando stabilmente, anche se solo in superficie e non nel nucleo, come avviene nelle stelle “vive” (lo studio è pubblicato su Nature Astronomy).

Una vera sorpresa. Ciò suggerisce che alcune di queste stelle residue potrebbero invecchiare e morire ancora più lentamente di quanto pensassimo, ritardando così la loro eventuale trasformazione in nana nera. «Abbiamo trovato la prima prova osservativa che le nane bianche possono ancora subire un’attività termonucleare stabile», afferma Jianxing Chen (Alma Mater e INAF di Bologna), coordinatore dello studio: «è una vera sorpresa, in contrasto con ciò che si è finora creduto.»

Fino alla fine dell’Universo… Lo stadio evolutivo tardivo di stelle di piccola massa, quelle fino a circa otto volte la massa del Sole, è detto di nana bianca. Quando queste stelle terminano la loro vita nella sequenza principale (che identifica la vita di una stella) e non sono più in grado di fondere l’idrogeno nei nuclei, espellono il loro materiale. Il nucleo rimanente, non più sostenuto dalla pressione verso l’esterno della fusione, collassa in un oggetto ultradenso. Nasce così una nana bianca, caratterizzata da una massa massima di circa 1,4 volte quella del Sole. Le nane bianche sono estremamente calde e prima che si raffreddino completamente ci vuole molto di più della vita che ha avuto l’Universo finora. Gli astronomi sono molto interessati a questo processo, in quanto prevedono che un’enorme quantità di stelle dell’Universo, compreso il Sole, finiranno in questo modo. Sapere come si evolvono le nane bianche può aiutare a prevedere quando l’Universo terminerà di esistere.

Altri misteri. Questa scoperta è arrivata grazie a uno studio sulle nane bianche presenti in due ammassi…



Read More: Le nane bianche e l’aspettativa di vita dell’Universo

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Live News

Get more stuff like this
in your inbox

Subscribe to our mailing list and get interesting stuff and updates to your email inbox.

Thank you for subscribing.

Something went wrong.