Effetto Covid sul turismo organizzato: ricavi giù dell’81%



Una voragine senza fine accompagna la caduta del turismo organizzato italiano. Un’azienda sana, che nel 2019 fatturava 13,3 miliardi di euro e cresceva del 4,3% rispetto all’anno prima, e che nel 2021 si appresta a chiudere il bilancio a 2,5 miliardi di euro, oltre l’80% in meno rispetto al 2019.
Una caduta accompagnata da messaggi di positività legati al vivace movimento estivo, che non riguardano però il turismo organizzato. I numeri, in questa parte del comparto, non danno spazio a facile ottimismo.

Flessione delle presenze negli alberghi

Il settore alberghiero a luglio di quest’anno registrava una flessione delle presenze del 51%, che arriva al 71% se si guarda a quelle internazionali. E questo è comunque il dato migliore.

Loading…

L’outgoing, cioè il turismo in uscita dal Paese, registra una flessione del 90% sul 2019, il Mice (il ramo eventi del settore) dell’80% e il business travel del 74%.
«Per proteggersi la diversificazione non basta più -, spiega Franco Gattinoni, presidente di Fto, la Federazione del turismo organizzato -, perché il trend negativo riguarda ogni segmento e questo impedisce alle aziende del settore di compensare, come già successo in passato, le perdite di un ramo con i maggiori guadagni di un altro. Mancano poi americani e cinesi, i top spender che riempivano le strutture di lusso e che non possono essere compensati dal campeggiatore tedesco, che non è mancato quest’estate».

I freni al turismo organizzato

Insomma, se il turismo individuale può ripartire con maggiore facilità, quello organizzato, che vive di programmazione, è bloccato. Diversi i motivi. Non più la paura del virus, ma l’incertezza delle regole, in continuo cambiamento. «La mancanza di prospettiva -, aggiunge Gattinoni -, impedisce la pianificazione delle stagioni turistiche e ci fa perdere potere di acquisto rispetto ai competitor stranieri, che acquistano servizi a prezzi più competitivi grazie alla programmazione anticipata».

Alle già molteplici criticità si aggiungono i vincoli italiani di uscita, più stringenti rispetto ad altri Paesi. «La tutela della salute è prioritaria -, spiega Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato del Gruppo Alpitour -, ma il settore impiega migliaia di persone, molte delle quali in cassa integrazione, e le misure devono essere efficienti e giuste. Oggi gli operatori italiani subiscono un trattamento diverso e penalizzante rispetto ai competitor europei. Perché, per esempio, non possono portare gli italiani ai Caraibi o fuori dall’Europa? La conseguenza di queste regole non è equa: chi vuole partire per queste destinazioni aggira le norme e si rivolge a operatori stranieri. Oppure rinuncia, creando un danno alle imprese italiane».



Read More: Effetto Covid sul turismo organizzato: ricavi giù dell’81%

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Live News

Get more stuff like this
in your inbox

Subscribe to our mailing list and get interesting stuff and updates to your email inbox.

Thank you for subscribing.

Something went wrong.