Mantova, denunciate sei persone per la rissa al bar


Hanno tutte gravi precedenti penali. Chiuso dal questore il bar Lasagna per quindici giorni con possibile revoca della licenza

MANTOVA. Pugno di ferro del questore nei confronti di chi, sabato sera, ha scatenato una furiosa rissa in piazza Broletto, davanti al bar Lasagna. Si sono fronteggiati, scagliandosi addosso sedie, tavoli e bottiglie due gruppi di giovani: il primo formato da due italiani e due dominicani, il secondo composto da tre tunisini, uno dei quali deve ancora essere identificato. Completamente ubriachi, hanno iniziato a prendersi a botte, a quanto pare per un tavolino conteso.

«Si tratta di un fatto di inaudita gravità – ha commentato il questore di Mantova Paolo Sartori, nel corso della conferenza stampa convocata  in questura insieme al sindaco Mattia Palazzi – Così come è inaudito che il gestore del bar non abbia minimamente pensato ad avvertire le forze dell’ordine di quanto stava accadendo. Per questo ho disposto la chiusura del locale per quindici giorni. Se succederà ancora sono pronto a revocare la licenza, anche perché poche settimane fa si sono verificati altri due episodi».

La violenta rissa, nel corso della quale sono volati tavolini, sedie e bottiglie è stata documentata da un video registrato da un cliente. I pestaggi sono poi proseguiti per le vie del centro per poi sfociare in piazza Leon Battista Alberti, dove i contendenti si sono nuovamente affrontati. La polizia è intervenuta in forze e, alla fine sono state identificate e denunciate per rissa e danneggiamento aggravato sei persone. Tutte con una sfilza di gravi precedenti: T.A., 36 anni, già noto per rapina impropria, guida in stato di ebbrezza, tentato omicidio doloso, rapina e furto aggravato; A.M., 32 anni, con precedenti per danneggiamento, tentata rapina, violazione di domicilio, resistenza a pubblico ufficiale, porto abusivo di armi. E ancora T.D.P., 43 anni, dominicano, con precedenti per maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale, rapina aggravata, spaccio di stupefacenti; S.H. 21 anni, tunisino, con precedenti per rapina, N.H., tunisino già noto per due risse aggravate, violenza sessuale e J.L.P. con precedenti per furto, lesioni, ubriachezza molesta e guida senza patente. Per tutti quanti c’è l’obbligo di firma in questura. Per due tunisini e due dominicani è in vista la revoca del permesso di soggiorno.

«È inaccettabile – ha commentato il sindaco Palazzi – che il gestore del locale non si sia preoccupato di avvertire le forze dell’ordine di quanto stava accadendo e ringrazio il questore per la tempestività dell’intervento della Polizia. Come amministrazione stiamo pensando di ridurre al gestore del bar Lasagna il plateatico. Mantova deve continuare ad essere una città sicura, dove la gente possa camminare e divertirsi in santa pace». Anche gli altri esercenti hanno chiesto un intervento drastico per mettere fine a queste risse pressoché periodiche».



Read More: Mantova, denunciate sei persone per la rissa al bar

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Live News

Get more stuff like this
in your inbox

Subscribe to our mailing list and get interesting stuff and updates to your email inbox.

Thank you for subscribing.

Something went wrong.